Le frittelle venete alla crema

cri-2

 

 

Buongiorno mondo, vi scrivo da una casa piena di influenzati, compresa la sottoscritta con 39 di febbre, avevo promesso che questa ricetta l’avrei postata ieri e poi invece tra figli malati e inizio di febbre per me non sono affatto riuscita. Finalmente ho trovato una ricetta decente, di frittelle venete, con l’interno vuoto adatto a contenere tanta buona crema :). La pasta è poco dolce, ma con la crema e lo zucchero a velo io li ho trovati davvero ottimi. Vi lascio tutti i miei appunti sperando che possa esservi utile, e soprattutto ringrazio tutti coloro che ogni giorno seguono questo blog e avranno voglia di provare, o che in qualche modo si sentono ispirati dalle mie ricette. Per me è fondamentale sapere che ciò che faccio possa essere utile a voi, anche a chi ad ogni mia ricetta segue le mie orme, per poi pubblicare ricette simili. ^_-, continuate pure :D.

 

 

cri-8

 

 

Difficoltà
Media
Preparazione
15 minuti
Cottura
15 minuti
Costo
Basso
N° persone
6

 

Ingredienti:
300 gr di acqua
220 g di farina 00 (io ho usato la farina di farro monococco)
80 gr di burro
1 pizzico di sale
60 gr di zucchero semolato
1 pizzico di sale
4 uova medie (valutare in base all’assorbimento della farina)
3 gocce di olio essenziale al limone (oppure la scorza grattugiata)
Per friggere
1 litro di olio di semi di arachide
Per farcire:
crema pasticcera (io ho usato questa)
zucchero a velo per spolverare
Preparazione:

Portate a bollore, l’acqua, il burro tagliato a cubetti, il sale e lo zucchero, gli aromi se usate gli oli essenziali altrimenti la buccia va messa alla fine. Aggiungete tutta insieme la farina e mescolate velocemente per evitare la formazione di grumi. Fate cuocere ancora fino a formare una palla, e aspettate che si formi appena la patina sul fondo della pentola ci vorranno appena due minuti. Mettete l’impasto in una ciotola giusto il tempo di fare intiepidire, circa 15 minuti.
Aggiungete  le uova uno alla volta, mescolando a mano o con il gancio spatola in planetaria. Alla fine vi ritroverete con un impasto denso e cremoso allo stesso tempo e se fate la prova con un cucchiaio, scende a nastro spezzandosi ma a fatica. Fate riposare l’impasto giusto il tempo di portare l’olio a temperatura.
Fondamentale la cottura, l’olio deve essere caldo ma non troppo se l’olio è troppo caldo le vostre frittelle non si apriranno nel modo corretto e risulteranno piene e pesanti allo stesso tempo. la migliore cottura l’ho avuta con l’olio intorno a 160°, inserite le palline di impasto e alzate il fuoco, da questo momento controllate che comunque la temperatura dell’olio non superi i 175/180 gradi. Facendo così si espandono in modo corretto e verso la fine colorano. Fate cuocere tutti i lati fino a doratura. Quando saranno pronte con una schiumarola appoggiate su un piatto coperto con carta assorbente per fare asciugare l’olio in eccesso.
Per formare le frittelle, io mi sono leggermente bagnata le mani formato delle palline come per le polpette e appoggiato su carta forno, mentre aspettavo che l’olio si scaldasse. In questo modo ho ottenuto una forma più tondeggiante eventualmente potete fare con un cucchiaino. Mi raccomando la pallina da crudo deve essere una quantità minima, altrimenti poi raddoppieranno, pertanto attenzione anche a non inserire troppe frittelle nell’olio, basatevi sulla grandezza della pentola

Comments

  1. grazie carissima qui a Pesaro preparano per carnevale delle frittelle simili golosissime,un bacione

  2. Circa 25 anni fa, mi accadde di trascorrere un certo periodo agli Ospedali Riuniti di Bergamo. Si trattava di un problema ortopedico e quindi non avevo limitazioni nel mangiare. Era carnevale e chi mi veniva a trovare mi portava dei dolcetti molto simili a questi. Forse saranno stati proprio questi…. Un vero “sballo”. Questa ricetta te la copio. Poi li rifaccio, ci faccio un post raccontando questo mio ricordo e dichiarando ovviamente la fonte con link incluso. Bacio

  3. Grazie mille x la ricetta!!! Domenica l’ho provata ed ho aggiunto due uova perché l’impasto era troppo duro. Comunque le frittelle sono venute davvero bene. Mi hanno fatto tutti i complimenti. Grazie davvero

    • Mammapapera dice

      sono contenta di sapere che ti sia piaciuta, il fatto che hai aggiunto più uova dipende dalla grandezza delle uova e dall’assorbimento della farina, così come spiegato nel post….

  4. mamma mia che golosità!!! 😉

  5. finalmente per l’ultimo giorno di carnevale, l’ho fatte… e non me li hanno nemmeno fatti farcire…. finiti subito!

  6. Annalisa dice

    buongiorno,
    posso sostituire il burro con l’olio?

    • Mammapapera dice

      ciao Annalisa, io li ho fatti con il burro, non ho provato con l0olio ma credo che come è possibile fare la pasta choux con l’olio lo stesso vale per le frittelle, proverò a fare una prova se prima ci provi ti chiedo gentilmente di condividere la ricetta

  7. Grazie ,grazie,grazie.
    Ricetta perfetta, frittelle riuscite un incanto.🤪

Trackbacks

  1. […] impasto choux, non potranno mai riuscire vuote all’interno. Qualche settimana fa ho visto queste di Alessandra. Un sogno. Sembrano esattamente come quelle che mi descrive mia mamma: sono vuote, ma […]

Rispondi a chiara Annulla risposta

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.