i diritti dei bambini:il diritto al selvaggio

Mio marito è nato e cresciuto in una fattoria, in mezzo a vigneti, ulivi ed alberi di nocciole.
E’ cresciuto arrampicandosi in quegli alberi per raccogliere le nocciole o semplicmente per nascondersi.
Io spesso mi sono lamentata di lui per varie cose, ma il suo amore verso questo essere selvaggio, lo trasmette con tanta cura ai nostri figli e devo essere sincera ho accettato con molta reticenza tutto questo un pò per paura che possano farsi male e un pò per l’indecenza con cui ogni volta si presentano a me.
Però il nostro accordo, ogni volta che andiamo a Teano dai miei suoceri,è che devo lasciare in pace lui  e i bambini.
Quindi mi son fatta forza e la giornata dai miei suoceri si svolge sempre all’aria aperta, a dar da mangiare agli animali, ad inseguire il tacchino e le galliune, a salire sugli alberi col babbo, e a giocare a nascondino nella campagna, per non parlare della casetta di legno arredata a misura di bimbo.
Non vi dico che fastidio, quando stanno senza scarpe e arrivano con i piedi per terra tutti neri…
sicuramente saranno dei bei ricodi e dei bei momenti per i miei figli, ma devo essere sincera avvolte non vedo l’ora di arrivare a casa.
Nel frattempo loro vivono le loro tre settimane selvagge con il metodo di mio marito, sostenitore attivo di questo diritto, e loro accettano ben volentieri di assecondarlo.

alcuni momenti selvaggi:

erika con mio fratello e il figlio di mia cugina

michelle e solidea, a lezioi di equitazione
michelle e l’ulivo di caserta

erika e michelle nel dondolo di campagna della signora Carla

Mi spiace non avere foto in formato digitale da mostrarvi per l’occorrenza.

questo post partecipa all’iniziativa di piccolalory

Comments

  1. Morrison dice

    Sono dalla parte di tuo marito, anche se mi sembra che tu non sia proprio contraria e che tu faccia semplicemente un po' a cazzotti con le preoccupazioni "di mamma" :-). Viva le unghie sporche di terra, le ginocchia sbucciate e i denti sporchi di cioccolata!

  2. Mamma Papera dice

    grazie morrison@ effettivamente non è che sono contraria :o) hai centratyo il punto della situazione

  3. capisco le tue preoccupazioni,ma immagina di ritornare bambina e pensa a come è bello poter giocare,arrampicarsi e potersi anche sporcare….wow!!!! w la libertà

  4. Mamma Papera dice

    @rosa eccoti
    ciao
    ma qual'è il tuo blog?
    hai ragione i bimbi sono un amore ^_^ tutti zozzi

  5. sonogio1 dice

    carissima mamma papera, posso capire i tuoi timori ma il contatto con la natura sporcarsi arrampicarsi rotolare nei prati è un diritto dei bammbini oltre che essere una medicina per il corpo e per lo spirito Gio

  6. sonogio1 dice

    sonogio il mio blog: myblogfiliefili.blogspot.com

  7. follettabacibaci dice

    Mamma Paperonzola sono tornata e sto lavorando ad un post sul mio capodanno londinese, quindi potrai leggermi presto. Ma dai, provaci pure tu a fare la selvaggia, arrampicati anche tu sugli alberi ed inzozzati (ulp che termine strano, ma efficace) di terra insieme a chi ami, è tanto bello essere liberi di vivere la vita.
    Ti lascio il mio baciottone grande e a leggerci presto, mamma bellissima che sei, la vera mamma chioccia
    Folletta baci baci

  8. bellissimissimi tutti zozzi…!!!!i tuoi figlioli però se lo ricorderanno in eterno questo momento…anche io penso bambini sporchi=bambini felici!!!è un'opportunità grandissima!!!

  9. E' dura lasciarsi andare alle "non regole".. però ogni tanto serve!!

  10. wow pure i cavalli???
    Ti vengo a trovare,ma ti prometto che rimango con le scarpe 😀

  11. Mamma Papera dice

    @sonogio grazie per il tuo indirizzo, stavo cercando di capire quale era il tuo blog:D
    @tutti, visto che siete unanimamente d'accordo, mi lascerò andare di più ^_^
    @wanesia se vuoi ti aspetto ^_^ i cavalli sono di una signora che ci abita qui vicini e che è stata babysitter di michelle la signora bionda nella foto con la tata

  12. Capisco che a volte vedere i figli allo stato brado posa urtarci un pò…ma è troppo bello vederli felici, appassionati, e soprattutto spontanei nel vivere la natura dal vivo.
    Pensa alla fortuna che hanno di sapere com'è un animale o un albero perchè l'hanno visto dal vivo e non su un libro o in televisione!!!
    Ciao Letizia

  13. hihihihi riesci a farli tornare alla vita cittadina poi? 😉

  14. Mamma Papera dice

    @leti cara :O*** hai ragione ma infatti li lascio fare ma non è uno da lavare e la cosa buffa e che dopo averli rilavati sono peggio di prima ^_^
    @anto i primi giorni è sempre una disperazione :O)

  15. ciao Ale e scusa il ritardo…..io non ho un blog….ma viaggio su fb e seguo molti blogs…….sono arrivata da te passando x casa di Simo….ahahah!!!!!ciao

  16. Anonymous dice

    ma le foto non mi danno tanto l'idea del selvaggio. Beata te che puoi farti le ferie gratis e a Teano pure! Ogni quanto ci vai?

  17. Mamma Papera dice

    beh ma dipende quello che si intende per selvaggio sicuramente non deve essere nulla di pericoloso, io intendevo quello che su è stato scritto ^_^, e comunque come dicevo su purtroppo foto in digitale non ne avevo e quindi ho inserito quello che piu rendeva l'idea
    a teano sono due anni che non vado per una serie di motivazioni, sono andate le mie figlie una volta con il padre e una volta con gli zii, ma di solioto si andava a due volte l'anno e comunque è una spesa lo stesso

Rispondi a Rosa Annulla risposta

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.