Budino della tolleranza

fetta stampa

 

 

Ultimissima ricetta che partecipa al contest di Natale, grazie a Sara Rosini.

#Senzaglutine #Senzalatte #Senzauova #Vegan

e decisamente… …#sfizioso

Questa idea nasce anzitutto con l’obiettivo di soddisfare il maggior numero di invitati che siedono alle nostre tavole.
Gli ospiti sono infatti sempre più esigenti a causa di allergie/intolleranze alimentari o scelte personali.

L’assenza di certi ingredienti “base” (latte, uova, farine con glutine)non è facile da gestire in cucina, specialmente quando bisogna rinunciare contemporaneamente ad essi.
Con questa ricetta voglio dimostrarvi che si può ottenere qualcosa di molto gustoso anche senza “i nemici più comuni” delle persone più sensibili.

Sappiamo poi che durante le feste in compagnia i pasti sono in genere più elaborati del solito . Non ho voluto quindi trascurare l’aspetto della leggerezza. Una fettina per l’ antipasto, accompagnata da un sorso di buon vino bianco, costituisce la giusta apertura ad un menù completo, cioè multi-portata.

Ho optato per l’abbinamento di colori dato dal contrasto barbabietola e spinaci perchè credo che esso ben si presti ad una tavola natalizia. La scelta è avvenuta anche nel tentativo di rispettare la stagionalità degli ortaggi.
Una ricetta adatta quindi ai palati più esigenti così come alle grandi occasioni.

Il piatto è perfetto pure per un pranzo leggero, nelle schiscette da ufficio e nella stagione estiva. In tal caso le dosi indicate sono sufficienti per 2 persone. Un bel sistema anche per presentare in modo invitante la verdura ai bambini, compresi i più piccini, perchè il budino si scioglie in bocca.

È facile da realizzare. Deve essere preparato con almeno qualche ora di anticipo (ideale: il giorno prima di consumarlo) per consentire alla crema di solidificare.

intero stampa

Suggerimenti di preparazione
È possibile sostituire il latte vegetale con latte vaccino o di capra (in tal caso non sarebbe più vegan)
Spinaci e barbabietole possono essere sostituiti da altre verdure (zucca, erbette, ecc)
Se si gradisce un sapore più deciso è possibile aggiungere alle verdure uno spicchio d’aglio schiacciato o dell’erba cipollina
ATTENZIONE: La consistenza del budino con le dosi indicate è molto morbida. Consiglio quindi molta delicatezza a sformare il budino. Se temete di combinare pasticci scegliete dei contenitori piccoli o comunque monoporzione trasparenti. In tal caso il budino si può gustare comodamente al cucchiaio.

Suggerimenti di presentazione
Il budino può essere servito impreziosito da una granella di frutta secca, come pistacchi e/o arachidi tostate

Ingredienti:
1⁄2 l latte di soia (o altro latte vegetale)
1 barbabietola
3 cubetti di spinaci surgelati
60g maizena (amido di mais) (circa 4 cucchiai colmi) Sale qb

Suggerimenti di preparazione
È possibile sostituire il latte vegetale con latte vaccino o di capra (in tal caso non sarebbe più vegan)
Spinaci e barbabietole possono essere sostituiti da altre verdure (zucca, erbette, ecc)
Se si gradisce un sapore più deciso è possibile aggiungere alle verdure uno spicchio d’aglio schiacciato o dell’erba cipollina
ATTENZIONE: La consistenza del budino con le dosi indicate è molto morbida. Consiglio quindi molta delicatezza a sformare il budino. Se temete di combinare pasticci scegliete dei contenitori piccoli o comunque monoporzione trasparenti. In tal caso il budino si può gustare comodamente al cucchiaio.

Suggerimenti di presentazione
Il budino può essere servito impreziosito da una granella di frutta secca, come pistacchi e/o arachidi tostate

Ingredienti:
1⁄2 l latte di soia (o altro latte vegetale)
1 barbabietola
3 cubetti di spinaci surgelati
60g maizena (amido di mais) (circa 4 cucchiai colmi) Sale qb
Tempo di preparazione: 1h (ancora meno se si utilizzano barbabietole precotte)

Costo:molto basso – basso e variabile a seconda degli ingredienti (nel mio caso circa 1,15 euro latte di soia bio+ 0,50euro barbabietola bio + 0,30euro maizena + 0,30 euro spinaci = 2,25 euro…davvero economico quindi)

Numero di persone: 6-8 (se servito come antipasto)
Difficoltà: facile
Materiale indispensabile di cucina
Robot da cucina o un frullatore a immersione (quest’ultimo è meglio per gli spinaci) Caraffa graduata, bilancia (non indispensabile:usare il cucchiaio come unità di misura), stampo di capienza adeguata o stampini monoporzione trasparenti o contenitori per fingerfood

1. Lessare le barbabietole e lasciarle intiepidire

2. Lessare gli spinaci con un po’ d’acqua. Quando sono cotti, strizzarli bene con l’aiuto di un colino.

3. Frullare le barbabietole con 250 ml di latte di soia

4. Versare il composto ottenuto in un pentolino inaderente di grandezza adeguata 5. Aggiungere 30 g di maizena (circa 2 cucchiai colmi) e una presa di sale

6. Mescolare subito con un frustino quindi far cuocere a fuoco medio, sempre mescolando, fino a ebollizione. Continuare a mescolare fino al raggiungimento di una consistenza cremosa. (tipo crema pasticcera)

7. Versare in uno stampo (o distribuire in più stampini) di capienza adeguata.
Sara Rosini 27/04/1985 via delle Ghiaie 20, 38100 Trento 3332313295 sararosini@alice.it

8. Frullare gli spinaci con 250ml di latte rimasto.

9. Versare il composto ottenuto in un pentolino; aggiungere 30g di maizena e una presa di sale

10. Procedere come si è fatto per il composto latte- barbabietola nei punti 6-7; ATTENZIONE: prima di versare l’impasto verde, verificare che sullo strato rosso si sia formata la pellicina (come quella della crema pasticcera), se no i due composti si mescolano e non si vedranno più i due strati netti.

Sara Rosini da Trento sararosini@alice.it

 

Parla alla tua mente

*