Ravioli al vapore ricotta e noci

ravioli al vapore ricotta e noci

Dovevano essere Ravioli del plin, ma visto che per me era la prima volta che provavo a farli e per giunta senza una rotella tagliapasta che si è rotta proprio poco prima di usarla, sono dei ravioli del plin obesi vestiti di carnevale :D, un po più grossi, e invece di avere la classica forma del raviolo del plin hanno assunto la forma di una caramella.

Io non demordo e mi sto già rimettendo in moto per far si che questa volta vengano perfetti sia come forma che come dimensioni. Ciò non toglie che sia un ottima ricetta anche con questa forma e la condivido volentieri con voi.

 

ravioli crudi

 

La ricetta ovviamente fa parte della sfida dell’mtc di questo mese e anche se dovesse essere fuori concorso non fa nulla, io la propongo comunque, oltretutto questa sfoglia è fantastica e merita di essere provata.

La ricetta è stata condivisa dalla bravissima Elisa del blog sapori di elisa e merita davvero di essere fatta almeno una volta nella vita, oltretutto se andate sul suo blog, seguendo il link di cui sopra, troverete un utilissimo video per fare questo splendore, il mio errore dove è stato? ho messo troppo ripieno di conseguenza il raviolo non è riuscito a stare al di sotto dei 2 cm mentre i miei erano 2.5/3 cm -.-, inoltre ho sbagliato la chiusura pizzicando troppo, in questo modo abbiamo ottenuto una caramella, con l’inconveniente che ai lati risultava più al dente, ma comunque buona.

Essendo la prima volta che li facevo ci sta, come tutte le cose, la prima volta serve per prendere le giuste distanze e capire quali sono gli “errori” che la volta successiva non devono essere fatti.

Per questa ricetta ho voluto provare ad utilizzare il mio forno a vapore Miele, infatti a luglio avevo seguito un corso al gallery di Milano e insieme al maestro avevamo preparato delle orecchiette al vapore, una cosa meravigliosa, cottura perfetta, senza aggiunta di sale, che al massimo è possibile aggiungere con il condimento e con un effetto finale davvero fantastico.

 

forno a vapore miele

Visto che una delle richieste del concorso era quello di non coprire il sapore del ripieno cercando di risaltarlo, ho pensato che in questo caso la cottura a vapore sarebbe stata perfetta, e cosi è stato, il ripieno era predominante e davvero buonissimo.

 

Difficoltà
Media
Preparazione
1 ora + riposo
Cottura
6 minuti
Costo
Basso
N° persone
4

 

Ingredienti

200 g di farina di grano tenero 0

1 uovo intero (grande)

2 tuorli (grandi)

per il ripieno:

200 gr di noci

1 spicchio di aglio

sale e pepe

olio extra vergine di oliva delicato q.b.

2 cucchiai di parmigiano

250 gr di ricotta fresca

per il condimento:

burro q.b.

parmigiano q.b.

 

preparazione:

La sera prima appoggiate un piccolo colapasta all’interno di una ciotola grande abbastanza per contenerlo, aprite la vostra ricotta e lasciatela scolare all’interno per tutta la notte, in questo modo perderà il liquido in eccesso.

Mettere gli ingredienti per la sfoglia nella ciotola della planetaria e con la frusta ad uncino lavorate bene fino ad ottenere un impasto omogeneo, nel mio caso le uova erano leggermente più piccole ed ho aggiunto l’albume di un’uovo fino a che l’impasto era ben legato e morbido al tatto ma compatto. Coprire con pellicola alimentare e far riposare per una trentina di minuti.

Nel frattempo preparate il pesto di noci: in un robot da cucina inserire le noci, un filo di olio (eventualmente potete inserirne ancora, ma il pesto non deve risultare troppo liquido perché le noci rilasceranno il loro olio naturale, quindi regolatevi mano a mano che lo preparate), lo spicchio di aglio e tritate fino ad avere un composto compatto, regolato di sale e pepe secondo il vostro gusto.

Il pesto che ne è venuto fuori non l’ho usato tutto, quindi ho proceduto aggiungendo alla ricotta due cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato e pesto di noci q.b. ho assaggiato e mi sono fermata quando il sapore per me era perfetto, all’incirca metà del composto.

Tagliare pezzi di pasta e con l’aiuto di una sfogliatrice (io ho usato l’accessorio del kenwood) tirare la sfoglia molto sottile.

Formare delle piccole palline di ripieno (grosse all’incirca come delle nocciole) e disporle sulla sfoglia, a poca distanza l’una dall’altra.

Piegare la sfoglia e pizzicare la pasta tra una pallina e l’altra. Dopodiché tagliare i ravioli con la rotella, partendo dalla parte chiusa e muovendosi verso i due lembi sovrapposti. Appoggiare i vostri ravioli sopra a dei teli puliti e infarinati, infarinando leggermente di volta in volta.

Lasciate seccare per almeno un paio d’ore.

Per la cottura a vapore, appoggiare i ravioli, in una teglia non forata, aggiungervi un dito di acqua, senza sale, e cuocere a 100° per circa 5/6 minuti, a metà cottura controllare comunque il grado di cottura della pasta e muovere un po per evitare che vi si attacchi, se non avete il forno a vapore, potete sempre cuocerli a vapore come siete soliti fare, ma forse diventerebbe troppo lungo come procedimento.

Quando i ravioli sono cotti, saltateli in padella per un minuto circa con burro e parmigiano e servite ben caldi.

 

Con questa ricetta partecipo all’MTC di questo mese

con questa ricetta partecipo al contest aiuto chef cercasi

1697

Commenti

  1. Il forno per la cottura a vapore????? Lo voglio! Ahahahahahah
    Complimenti Alessandra, per la trasparenza con cui ci parli di questa tua “prima volta”. Tu sei bravissima, non ce n’è…. e come dici tu la prima volta serve sempre per imparare. Grande!!

  2. Senti, la forma non sarà perfetta, ma son sicura che la prossima volta andrà meglio: ci vuole soltanto un po’ di pratica e tu di manualità ne hai da vendere 😉
    Il ripieno mi piace molto: è semplice e delicato, perfetto per questa ricetta. Ma la cosa che più mi colpisce è la cottura a vapore, perché mi fa pensare ai ravioli orientali e penso dia un tocco molto particolare alla pasta. Dovrò provare! Grazie per questa proposta!

  3. Concordo con Elisa: se la forma non è perfetta, perfetto è lo spirito con cui hai affrontato questa sfida. Nessuno nasce imparato 😉 e la cosa più bella delle nostre sfide è questo mettersi in gioco, ogni volta, con le nostre capacità e anche i nostri limiti, con l’umiltà indispensabile per provare a vedere come va. E comuque, semai mettessi in vendita la tua manualità, io mi prenoto per uno stock intero 😉
    Perfetto il ripieno e molto ben bilanciato col condimento. E’ sempre un piacere, averti all’MTC

Trackbacks

  1. […] qualcuno, ma verso se stessi alla ricerca di nuovi stimoli. Ovviamente ho partecipato anche io con questa ricetta e vi invito caldamente a votarmi , non tanto perchè voglio vincere ma perche mi piacerebbe […]

Parla alla tua mente

*