Crostata rustica integrale di mele

crostata integrale

 

Ho preparato questa crostata, con frolla sbriciolata, in maniera più genuina possibile, utilizzando ingredienti poco raffinati, la farina integrale macinata a pietra Petra 9 (ma voglio provare con una multi cereali), zucchero di canna integrale grezzo, mele di stagione, e i profumi delli agrumi e della cannella, con la nota dolce e amara delle mandorle. Credevo che i miei figli non avessero gradito molto per il fatto che fosse così “rustica”, integrale e un pò scura, invece devo ricredermi hanno mangiato con piacere il tutto :), apprezzato e fatto il bis e quindi eccomi, subito senza lasciar passare troppi giorni a condividerla con voi.

 

crostata integrale di mele

 

Non so se le immagini possono regalarvi la bontà di questo dolce, ma vi assicuro che lo era :). Quindi su dai, non lasciatevi intimorire dalla lunga lista di ingredienti, che un po inganna, facendo sembrare il lavoro troppo lungo. Questa crostata è facilissima da preparare, veloce e appagante. Almeno io che sono una pigrona non ho avvertito poi questa grande difficoltà, e non ditemi che non vale, perché vi giuro che più pigroni e pasticcioni di me in giro non ce ne sono :P.

 

DSC_9952b

 

 

Difficoltà
Media
Preparazione
30 minuti + riposo
Cottura
30/60 minuti
Costo
Basso
N° persone
26 cm di diametro

 

 

Ingredienti:

Per la frolla sbriciolata

300 gr di farina integrale Petra 9

100 gr di burro morbido bavarese

150 gr zucchero di canna integrale

1 uovo grande

2 cucchiaini di lievito

1 bacca di vaniglia bourbon

Per la crema frangipane:

100 g di farina di mandorle (o mandorle pelate)

100 g di burro appena ammorbidito

100 g di zucchero di canna

1 uovo

30g di maizena

Mix aromatico (miele, scorza di limone. scorza di arancia lasciate macerare in frigo 1 cucchiaino di questo mix)

per il ripieno

due mele

1 vasetto di marmellata di mele

cannella in polvere q.b.

il succo di mezzo limone

 

Preparazione:

Nella planetaria versate la farina, il burro a pezzetti (io l’ho tenuto fuori dal frigo un oretta), l’uovo, il lievito, la vaniglia e lo zucchero e impastate fino ad ottenere delle grosse briciole. Distribuite il composto sul fondo e sui lati di uno stampo del diametro di 26 cm, imburrato e infarinato. Mettete in frigo, finché preparate la crema frangipane. Affettate finemente le mele, irrorate con il succo di mezzo limone e mettete un cucchiaino di cannella mescolate il tutto e coprite con pellicola.

Montare il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema spumosa, aggiungervi l’uovo leggermente sbattuto e il mix agli agrumi sempre lavorando con lo sbattitore, incorporare la farina di mandorle (o le mandorle precedentemente tritate finemente nel mixer con un paio di cucchiai di zucchero) poco per volta e la maizena, continuando a montare. Riprendete lo stampo, versate sul fondo la marmellata di mele, e la crema frangipane aiutandovi con una sac a pochè. Ricoprite con le fettine di mele e se vi fosse avanzato la frolla sbriciolata io l’ho raggruppata al centro.

A questo punto vi direi Infornate, in forno già caldo, a 180° per 20/30 minuti circa.

Ma ahimè, avrei fatto cosi ma non mi è stato possibile, un impegno dell’ultimo minuto e pure urgente, mi ha tenuta lontana da casa per sei ore e quindi ho appoggiato in frigo. Al mio ritorno, era tutto duro anche per la presenza del burro, e quindi ho infornato a 180° per 1 ora :D. Io credo sia una delle crostate più buone mai fatte, tenendo anche conto degli ingredienti poco raffinati utilizzati in questa ricetta. Ottima per questo periodo e poi con le mele gnammmm.

 

 

 

Commenti

  1. no che non mi intimorisco, anzi ti dirò di più…la segno e appena possibile me la provo!
    Bacioni cara

  2. Da provare subito…già sento l’odorino che sprigiona per casa… Bravissima!

  3. ma qui ci trattiamo bene e , complimenti per questa torta rustica così come piace a me.non ho capito ancora cosa cambia se la farina e a pietra 1,2,6,9 ecc. o di grano o,oo, se hai voglia e quando hai voglia me lo potresti spiegare, grazie

    • Mammapapera dice:

      tutte le petra sono delle farine di tipo 1 ovvero a cui non è stato tolto il germe di grano e la crusca, quindi sono meno raffinate, la 9 è proprio scura di un bel arrone con all’interno visibili i pezzi di crusca 🙂

  4. Ma che bontà!!!

Parla alla tua mente

*