Brasato in pentola a pressione

 

E’ passato molto tempo da quanto ho pubblicato una ricetta di un secondo piatto, oggi quindi vi propongo la ricetta del brasato di mio marito ma in pentola a pressione, quella che vi do però non è la classica ricetta toscana, portate pazienza, ma il modo come la facciamo noi. Fatalità per questa ricetta qui ho utilizzato il barolo, ma solo per bagnare la carne durante la cottura e più precisamente dopo aver rosolato bene, la ricetta originale, invece, prevede che la carne venga marinata a bagno nel barolo insieme alle erbe e alle verdure per una notte intera.

Noi adoriamo preparare il brasato e normalmente lo preparo nella pentola normale ma questa volta ho voluto prepararlo nella pentola a pressione, il giorno prima del suo utilizzo.

 

 

Difficoltà
Media
Preparazione
30 minuti
Cottura
50/60 minuti
Costo
Medio
N° persone
6

Ingredienti:

1 kg di cappello del prete

brodo vegetale

uno scalogno

1 bicchiere di vino rosso

2 carote

2 coste di sedano

1 rametto di rosmarino

sale e pepe q.b.

3 cucchiai di olio extra vergine di oliva

una noce di burro

 

Preparazione:

Nella vostra pentola a pressione, (io ho usato l’Acticook di Lagostina) fate appassire, nell’olio e nel burro, lo scalogno, il sedano e le carote tritati grossolanamente.

Aggiungete la carne e fatela rosolare da tutti i lati fino a ottenere la classica crosticina, bagnate con il vino rosso e fate evaporare, versatevi 1 eco dose (= a 250 ml) di brodo vegetale e un rametto di rosmarino. Chiudere la pentola a pressione e far cuocere per circa 50 minuti con il programma “2”. Se avete la classica pentola a pressione, potete cuocere per 1 ora. Passato questo tempo, aprite la pentola a pressione e valutate il grado di cottura e la sapidità e se serve aggiungete sale e pepe. Se non è cotta, continuate la cottura regolandovi con i tempi, se è pronta, raccogliete il sughetto, frullate con il minipiner, fate restringere al fuoco aggiungendo un cucchiaino raso di farina fino a creare una cremetta. Io di norma preparo il brasato la sera prima, lascio in pentola coperto e il giorno dopo affetto, metto in una teglia, ricopro con la crema e rimetto in forno per far scaldare bene. Lo so che la foto non rende l’idea della bontà, m’è venuta cosi, ma questa ricetta (fatta spesso da mio marito) raccoglie sempre molto successo e piace molto anche ai bambini :).

Commenti

  1. Ciao!
    Io ho la pentola a pressione, ma non la uso mai! So che è pratica, ma mi intimorisce un po’, non so perché :-/
    Questa ricetta comunque sembra deliziosa, te la rubo!!
    Ciao e buona giornata

  2. Invece io la trovo molto invitante!E sicuramente più veloce e pratica della mia ricetta che marinando tutta notte nel vino poi non è molto gradita alle bimbe!Grazie!

  3. francesca dice:

    ciao! favolosa questa ricetta! sul ricettario originale non si capisce come cucinare il brasato! ho provato la tua ricetta ed io, che non sono brava a cucinare, è venuto uno spettacolo!!! mio marito non credeva al suo palato! ah ah ah e mi ha fatto 1000 complimenti!! grazie!!! postaci altre ricettine hi hi hi

Parla alla tua mente

*