Festival del prosciutto di Parma – promemoria

antipasto all'italiana

 

 

La scuola è iniziata e tutto ritorna alla normalità almeno qui da noi, certo che da una parte è confortante rintanarsi nel proprio nido con la solita routine, home sweet home recita un vecchio detto, ma è così triste vedere che le giornate si accorciano, che il silenzio si impadronisce delle nostre strade molto presto e che le tapparelle delle case si chiudono che ancora non sono le 20. Mio marito dice sempre che io e le lucertole non abbiamo proprio niente in comune, che sia estate o che sia autunno, sto sempre fuori in giardino a qualsiasi ora del giorno :D, ma che ci posso fare se mi piace il rumore, i gridolini dei bambini che giocano per strada, i cagnetti che vanno a spasso con i loro padroncini e le strade percorse da tante biciclette guidate da gente di ogni età.

Almeno dove abito io e così, ma a Parma fino al 22 settembre è ancora estate e le strade gridano festa ad ogni ora del giorno.

Se come me avete voglia di festa e di gioia vi invito a dare un occhiata al programma del Festival di Parma. Avrete la possibilità di scegliere l’esperienza culturale e gastronomica che vi è più congeniale.

Un bellissimo week end, all’insegna del buon cibo, infatti, oltre 100 ristoranti hanno stilato menù con il prosciutto di Parma come ingrediente da valorizzare e lo chef stellato Alberto Rossetti vi delizierà con Il suo sandwich dolce con crema alla vaniglia Thaiti, albicocche, Prosciutto di Parma croccante, cioccolato bianco e parmigiano al tartufo, per una degustazione fino domenica 15 al Museo di Langhirano.

Insomma potrete costruire il percorso che più vi s’addice, all’aria aperta, sportivo, musicale, con i bambini e storico, ma non lasciatevi scappare la possibilità di visitare almeno uno dei prosciuttifici con visita guidata.

Basta cliccare QUI che verrete catapultati dritti dritti al programma  e organizzare cosi il vostro week end, se poi andate il 14 settembre fate attenzione e tenete l’occhio vigile che gli amici di leifoodie sono li per vivere in prima persona l’evento e poterlo cosi raccontare a tutti i lettori che avranno il piacere di leggerci, quindi se non riuscite a partecipare no problem e seguiteci via twitter con l’ashtag #difendilaqualità e sulle pagine di leifoodie.

Invece se riuscite a partecipare, raccontatemi com’è andata che mi fa davvero piacere :).

In foto un classico della cucina italiana, immancabile come antipasto da proporre con un aperitivo.

Commenti

  1. alessandro dice:

    Almeno nella pubblicità sui giornali si scrive publiredazionale, perchè nei blog no?

  2. mamma che fame mi fai venire io vivrei di prosciutto crudo….ma di quello buono che quando lo annusi fa un profumino …dunque tutti a Parmaaa ,un caro saluto amica

Parla alla tua mente

*