Simone Rugiati e le nuove collezioni di pentole antiaderenti Lagostina Expert Pro, Top Chef e Atena

Mettiamo una sera in cucina Simone Rugiati con le pentole Lagostina, cosa ne viene fuori? Una deliziosa cena light ma ultra gustosa!

Eh sì, care le mie fanciulle… l’altra sera ho avuto il grande piacere di assaggiare i manicaretti di questo affascinante giovane cuoco, preparati e cucinati in diretta durante la presentazione della nuova linea di pentole antiaderenti della Lagostina, presso la Dream Factory di Milano.
Un cooking show molto interessante non solo per gli occhi ma anche per il palato e, soprattutto, una vera dimostrazione di come si possa mangiare in modo sano senza per questo rinunciare al gusto, utilizzando i giusti strumenti in cucina.

Le nuove collezioni di pentole antiaderenti di Lagostina Expert Pro, Top Chef e Atena, infatti, sono state ideate per permetterci di cucinare con meno grassi grazie all’innovativo rivestimento antiaderente METEORITE® INTENSIUM, più sicuro e fino a due volte più durevole rispetto ai normali antiaderenti in commercio, grazie alla struttura multistrato di alta qualità che garantisce eccezionali performance culinarie.
L’esclusiva hard base minerale rinforzata in ceramica assicura un’extra durata e l’esclusiva formula antiaderente rinforzata con zaffiro garantisce una resistenza eccezionale ai graffi e alle abrasioni (anche con l’uso di utensili metallici), con l’effetto 3D olografico brevettato.

Ognuna di queste linee di pentole si contraddistingue, oltre che per l’eleganza dei colori smaltati (nero e blu notte) e le manicature in bakelite coordinate, anche per la particolare composizione del fondo:

  • Resistal: antideformazione e potenziato con particelle di rame per le pentole della collezione Expert Pro;
  • Diffusal: realizzato con particelle minerali per le pentole della collezione Top Chef e Atena;

che permette una migliore se non perfetta diffusione del calore su tutta la superficie della pentola.

Lagospot, invece, (e qui vi voglio perché questa è la curiosa novità che più mi ha colpito) è l’esclusivo indicatore di temperatura (per intenderci il cerchio che vedete al centro della pentola) che si colora di un rosso intenso quando la padella raggiunge la temperatura ideale per cominciare la cottura dei cibi.

In questo modo, oltre a preservare più a lungo le prestazioni del fondo antiaderente, come ci ha dimostrato Simone Rugiati i cibi vengono cotti alla giusta temperatura, mantenendo così tutto il loro sapore.

La vera prova del nove, per me, è stato vedere con quale semplicità si può rendere croccante il polpo “lesso”  in padella senza l’aggiunta di grassi!

Vuoi dire, quindi, che ho sembre sbagliato (“ciccato” nel mio gergo casalingo) a calcolare la giusta temperatura della padella? E’ per questo che non sono mai riuscita a rendere la “pelliccina molliccia del polpo” super croccante se non aggiungendo l’olio? Mmm… mi sa proprio di sì.

E’ o non è geniale il sistema lagospot con il suo cerchio che si colora di rosso per indicarci quando cominciare a cuocere i cibi? Voi cosa ne pensate?

E per la serie “prendiamo appunti di cucina dallo chef”: lui lo ha cotto 12/13 minuti nella pentola a pressione aggiungendo solo ½ bicchiere di acqua e poi lo ha reso croccante cuocendolo nella padella Expert Pro insieme a delle fettine di chorizo piccante. Un’abbinamento insolito, ma semplicemente divino!

Articolo scritto da Giovanan Hoang

Commenti

  1. lagostina è sempre lagostina…!
    quando avevo il negozio .. questo marchio si vendeva da solo… c’è un solo neo.. non si rompono mai! ottimo dire!

    • E’ vero Tiziana, le pentole Lagostina non si rompono mai e da questo punto di vista è un peccato per chi come me vorrebbe provarle tutte, ma lo spazio in cucina è quel che è!

  2. Che voglia di provarle ‘ste pentole! Simone sa indurre in tentazione…

  3. c’è proprio sempre da imparare! baci

  4. eh, si io c’ero….e che piacere conoscerti Giovanna! Queste meravigliose pentole hanno colpito anche me…….

Parla alla tua mente

*