Pan brioche alla salvia

 

Finalmente riesco a pubblicare questo pan brioche che secondo me è la fine del mondo, solo che invece di essere in versione dolce io ve lo propongo in versione salato con salvia nell’impasto, un risultato ottimale, per chi volesse utilizzarlo nel buffet come accompagnamento ad un tagliere di affettati. Ed è proprio l’impronta della salvia che lo rende perfetto per essere accompagnato con la soppressa e vari affettati. Questa è già la quinta volta che lo preparo e tutte le volte sono stata felicissima del risultato, è talmente soffice che se lo tagliate dopo averlo preparato si piega in due ^_^, ma se lo mangiate il giorno dopo, è ancora morbidissimo, sofficissimo e perfetto al taglio, io ne ho ancora un pò, dopo due giorni è ancora perfetto, se lo conservate avvolto con della pellicola. La prossima volta provo a farci il danubio salato con questo impasto, magari togliendo la salvia e aggiungendo qualsiasi altra cosa, dovesse capitare sotto le mie grinfie 😀 (che ne so un pepe particolare).

Come dicevo questa ricetta è ottima nei buffet, non solo da servire a fette ma potreste eventualmente fare delle strisce, più piccole che arrotolate negli stampi da muffin, o formare come panini e poi farcire ^_-, insomma, forse più laboriosa come cosa, ma comoda e carina.

 

pan brioche alla salvia

 

Difficoltà
Media
Preparazione
30 minuti + riposo
Cottura
30/40 minuti
Costo
Basso
N° persone
10/12

 

Ingredienti:

500 gr di manitoba

80 gr di burro

10 gr di lievito di birra in panetto

un bel ciuffetto di salvia

2 uova

200 ml di latte

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino e mezzo di sale

 

 

Preparazione:

  1. Curate e lavate la salvia e tritatela.
  2. Intiepidite, appena appena, il latte, scioglietevi il lievito e versatelo nella ciotola della planetaria.
  3. Aggiungetevi metà della farina setacciata e con il gancio a k, iniziate ad amalgamare.
  4. Sbattete leggermente, le uova, con una forchetta e inseritene 1/3 nella planetaria, fate assorbire e aggiungete lo zucchero e un pò di farina.
  5. Ancora 1/3 di uova, fate assorbire, il sale e poi ancora farina.
  6. Infine aggiungete le uova rimanenti, fate assorbire e aggiungete la farina rimanente e fate impastare per bene. Quando l’impasto sarà bello lucido ed elastico e vedrete che non si attacca più alle pareti della planetaria, aggiungete il burro a piccoli pezzetti, un pezzetto alla volta. Quando il pezzetto che avevate inserito viene assorbito potete inserire il resto, ma sempre procedendo in questo modo.
  7. Quando l’impasto è omogeneo e si sarà incordato, togliete la frusta a k e mettete il gancio, iniziate ad impastare a bassa velocità e gradualmente aumentate la velocità della planetaria, io sono arrivata a 1.5/2 ma ogni planetaria è diversa anche se usate kenwood quindi dovete regolarvi.
  8. infine aggiungete la salvia (15 gr circa) e fatela amalgamare bene all’impasto.
  9. Quando vedrete che l’impasto si stacca bene dalle pareti lasciando pulita la ciotola, l’impasto è pronto, in tutto c’ho messo 25 minuti circa.
  10. Formate una palla, rimettete nella ciotola della planetaria coperto con pellicola, e inserite nel forno spento.
  11. Fate lievitare fino al raddoppio.
  12. Riprendete l’impasto, sgonfiatelo un pò lavorandolo un poco, e trasferite in uno stampo da 2.5 l. Io ho usato il bloom set da 3 l come vedete nella foto. Ho allargato l’impasto con le mani in modo che così si sgonfiasse, l’ho tagliato a strisce che poi ho arrotolato e ho inserito nel bloom set o nella teglia, ben distanziati tra loro e ho fatto lievitare fino al bordo (nel mio caso un pò sotto).
  13. Infornate a 180° per 40 minuti circa, con il bloom set c’è voluto meno di 30 minuti.
  14. Sformate e appoggiate in una grata a raffreddare prima di aprirlo.

 

* L’impasto può benissimo essere lavorato a mano.

** conservate avvolto con pellicola.

 

 

Commenti

  1. ale che bontà hai preparato? a quest’ora questo goloso pan brioche con le fette di salame in bella vista sono un attentato…. buonissimo!!! il gusto di salvia nel lievitato da un tocco davvero speciale.. bravissima! un bacione:*

  2. Questa giuro che appena finite le focaccine la faccio ;D

    • Mammapapera dice:

      ma devi ancora finire le focaccine???? qui sono spariteeeeeeee, in un batter d’occhio a mio marito ho dovuto nasconderne due per la cena :DDDD

  3. Grazie per avere pubblicato la ricetta. Fin dalla prima fotografia pubblicata sul tuo profilo fb mi sono detta: “Devo provare a fare questa meraviglia”.
    Le foto, tutte, sono molto invitanti.

  4. ma che bello…l’ho segnato…sicuramente lo proverò..

  5. Buonissimo e da provare! Poi con quel salamino sopra…. gnam! Lo proverò sicuramente! Un bacione e complimenti, sempre bravissima 🙂

  6. è assolutamente stupendo!da fare!!!!

  7. è spettacolare!!!! una torta alle rose salata!!!!!! sei una grande!!!!!!

  8. finalmente!!!!! l’ ho amato dalla prima foto su fb questo panbrioche!!!!
    mio dev’ essere!!! :O*

  9. buonerrrrimo!!!!!

  10. Raffaella dice:

    Grazie mille per la buonissima ricetta!
    Ti chiedo un consiglio rigurado all’impastatrice, non mi sono ancora decisa ad acquistarne una visto i prezzi astronomici, il mio uso è domestico per una famiglia di 4 persone, su cosa mi devo orientare? devo guardare la potenza? (immagino tu non possa darmi i nomi per non fare pubblicità)??

  11. Vuoi per caso uccidermi!? Pan brioche alla salvia presentato con fette di invitantissimo salame!? Se cacci anche un vassoio di formaggi svengo adesso! Che foto invitanti e che carina l’idea di usare la salvia, credo di aver fatto un esperimento in passato, e il risultato era molto piaciuto, ripeterò copiandoti riga per riga!

  12. uhmmmmmmmmm adoro gli impasti lievitati, pani, focacce, panini…..io mi segno tutto!ILE

  13. ciao, piacere di “conoscerti”!
    questa ricetta mette davvero l’acquolina in bocca, soprattutto a chi come me adora il pane in tutte le sue declinazioni!
    buona serata e buon weekend,
    francesca

  14. ho proprio una piantina di salvia nell’orto che farebbe al caso mio e adesso che é cominciato il cattivo tempo i lievitati ci stanno proprio bene 🙂

  15. Più guardo questa ricetta più mi piace!!!!!!
    Me la stampo e la provo!
    Un bacio!

  16. No, no, ma io se questa ricetta riesco a farla non me ne priverò più! Non dovevi farlo!!!
    Che spettacolo!

  17. Giovanna dice:

    vorrei farlo ma con la pasta madre o impasto madre (come si voglia chiamarlo, ci siam capiti insomma!), ma come mi regolo in questo caso su quanta pasta madre e latte resta la stessa quantità? Grazie e complimenti ora ti saluto che vado a fare i panini viennesi 🙂

    • Mammapapera dice:

      ciao cara potresti leggere il post sul panettone gastronomico è la stessa ricetta comunque in linea di massima se usi 150 gr di pasta madre devi togliere 100 gr di farina e diminuire 50 gr di latte

  18. Alessandra dice:

    Ho preparato oggi questo pan briosche e l’ho mangiato a cena. È venuto buonissimo. Ho seguito alla lettera la ricetta, diminuendo la dose di lievito e aumentando i tempi di lievitazione.. È venuto sofficissimo. Una domanda: nel tuo libro ci sono consigli su come panificare e altre nuove ricette? Mi interessa molto, sei bravissima e le spiegazioni su come procedere sono precisissime. Grazie Alessandra

Trackbacks

  1. […] la ricetta perfetta, ma essendo di base un pan brioche non dolce, ho deciso di riadattare questa ricetta, al lievito madre secco, apportando solamente delle piccole […]

Parla alla tua mente

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.