Girasoli allo zafferano con topinambur

 

Quante volte ci siamo fossilizzati in un pensiero, che poi risultava essere fasullo?

A chiederci, “ma io vado bene”? A preoccuparci di non dire una parola perchè spesso i fraintendimenti ti hanno fatto soffrire e te magari non sei stata capita? Sono riuscita a dare il massimo di me stessa, e a far capire chi sono veramente?

Puntualmente ti accorgi che ciò che volevi dire è stato frainteso, che i tuoi sentimenti non sono stati minimamente considerati e con la scusa che tanto non sono stati percepiti, questi vengano calpestati.

Mi è successo mille volte e ancora oggi sembro aver fatto l’abbonamento, ma al di là del mio essere permalosa, vorrei lasciarmi scivolare le cose di dosso, e in questi giorni ho capito che è giusto che sia così.

Per questo motivo adoro ascoltare Elisa:

“Tutto questo tempo a chiedermi
Cos’è che non mi lascia in pace
Tutti questi anni a chiedermi
Se vado veramente bene
Così
Come sono
Così

Così un giorno
Ho scritto sul quaderno
Io farò sognare il mondo con la musica
Non molto tempo
Dopo quando mi bastava
Fare un salto per
Raggiungere la felicità
E la verità è che

Ho aspettato a lungo
Qualcosa che non c’è
Invece di guardare il sole sorgere

Questo è sempre stato un modo
Per fermare il tempo
E la velocità
I passi svelti della gente
La disattenzione
Le parole dette
Senza umiltà
Senza cuore così
Solo per far rumore …….

E miracolosamente non
Ho smesso di sognare
E miracolosamente
Non riesco a non sperare
E se c’è un segreto
E’ fare tutto come
Se vedessi solo il sole”

 

E si, il sole, quello che ci fa vedere chiaro, quello che ci scalda, quello che c’è sempre.

Il sole che rappresenta ciò che ogni giorno ci accompagna nella nostra vita, la famiglia, gli amici veri, e ancora la SEMPLICITÀ.

Adoro vedere i miei figli che si stupiscono di niente, uno stupore che riesce a scaldare il cuore.

Il sole è la gioia di vivere. Il sole siete voi cari lettori che ogni giorno mi accompagnate in questa splendida avventura del blog e che mi date la forza di andare avanti anche quanto vorrei mollare, perché ci siete sempre :).

Finalmente riesco a postare questa ricetta, per la carissima Dauly a cui sono molto affezionata.

Mi spiace non riuscire a darvi una foto dell’interno, ma come qualcuno saprà proprio nel mezzo delle mie foto mi si è bloccata la macchinetta che ho dovuto resettare ma non potevo attendere ulteriormente altrimenti la folla affamata di casa mia, digrignava i denti come non avrebbe fatto in nessun altro posto :D.

 

Difficoltà
Media
Preparazione
1 ora e 20 minuti
Cottura
20 minuti
Costo
Medio
N° persone
4

 

Ingredienti:

Per i Ravioli a forma di girasoli

400 gr di farina

4 uova

due bustine di zafferano o meglio ancora se zafferano in pistilli

sale q.b.

Per il ripieno:
250 gr di topinambur puliti
100 di ricotta
50 gr di grana

50 gr di mandorle pelate bianche

40 gr di pinoli
2 spicchi di aglio

olio evo q.b.
1/2 bicchiere di vino bianco
sale e pepe
Per condire:
burro
parmigiano

salvia

 

Preparazione:

Preparate la pasta come spiegato in questo post

Preparate il ripieno: In una padella fate soffriggere l’aglio tritato in un filo di olio evo, aggiungete il topinambur lessato, mescolate con una paletta di legno e sfumate con il vino bianco, fate amalgamare e insaporire, salate e pepate. Mettete in una ciotola con le mandorle e i pinoli e frullate con il minipiner. Fate raffreddare per bene il composto e aggiungeteci la ricotta e il grana. Riponete in frigo.

Per la preparazione rifatevi al post dei ravioli con i carciofi cambiando lo stampino io ho usato quello che vedete in foto.

Scolate i ravioli che avrete fatto bollire in abbondante acqua salata e fateli saltare a fiamma alta con burro, salvia e grana. Servite subito ben caldi.

 

Note:

*se vorrete preparare in anticipo, potrete benissimo congelarli, prima stesi su un vassoio e appena sono congelati li potete trasferire in un sacchettino per alimenti da congelatore.

** la sfoglia deve essere si sottile ma non troppo, altrimenti rischiate che con il peso del ripieno si rompano lasciandolo fuoriuscire, quindi cercate di trovare una via di mezzo, tra le dita la sfoglia dovete sentirla.

*** io i semi di papavero li metto dappertutto e vi assicuro che ci stanno benissimo, se volete aggiungerli quando li fate saltare in padella :).

 

Con questo post partecipo al contest di Dauliana 

 

 

Commenti

  1. grazie Ale, li aggiungo subito ai primi!

  2. Meravigliosa ricetta!!! E bellissimo post! Lasciati scivolare tutto addosso e goditi il sole, la famiglia, la semplicità e la sincerità “dei pochi”…

  3. Bellissimo post cara…e i tuoi girasoli sono magnifici. Un abbraccio

  4. E lo so lo so cosa vuol dire avere la macchina fotografica in mano, il piatto fumante dall’altra e una frotta (vabbè che frotta sono due ma hanno 4 mani!) di bambini che ti tirano maglia, braccia pantaloni chiedendo “posso assaggiare? posso solo un dito? dai mamma ho fame….:-D”
    Ma che vuoi sono loro il nostro sole.
    E poi la foto è bellissima così.

  5. che piatto spettacolare Aleeeee sei un mito. e poi la pasta in bianco con ricotta salvia burro, che te lo dico a fare, è la mia preferita!!! foto superba. un abbraccio. mò

  6. Dopo tante salite e qualche discesa ho capito una cosa, la dico a te come la ripeto spesso a mia figlia adolescente: credi in te stessa, amati più di ogni altra cosa e credi e ama pochi perche solo pochi contano. Tu hai la tua famiglia i tuoi figli e i tuoi amici sii felice e fregatene degli altri! bacioni
    Alice

    ps ricetta deliziosa!

  7. buonissimi…niente questi topinambur li devo ricomprare perchè ora ho ben 2 ricette da provare!

  8. Bellliiiiiiiiiiiiiiii !!!!!! E bella ricetta , senza fronzoli giusto l’essenziale fatto a regola d’arte . Un abbraccio

  9. Che bel post e che bella ricetta! Complimenti!

  10. Bellissima ricetta, poi io adoro il topinambur…mi piace un sacco la tua idea!

  11. sono stupendi!!! una ricetta davvero ottima.. raffinata e buona!

  12. lo sai che non ho mai provato i topinambur? sono buoni? che gusto hanno?

  13. ale tu sei unica ricordatelo sempre e tutto ti passa in un’istante . questa ricetta appaga i nostri sensi come ogni altra tua ricetta…..unica sei !

  14. Ciao, che bel post e quanta verità, specialmente qui, nel web, i fraintendimenti sono all’ordine del giorno e se non si sta attenti rischiano davvero di ferirti..a me è successo e mi sono chiusa in me stessa, anzi no, nel mio blog.
    Ma li trovi ancora i topinambur? Io sono andata nel campo vicino casa ed hanno già germogliato (li ho piantati in un vaso..per il prossimo inverno.
    Ti abbraccio con stima e affetto 🙂

    • Mammapapera dice:

      ciao stellina, questi girasoli li ho fatti un mese fa, comunque due settimane fa li ho trovati 🙂

  15. bella e triste la tua riflessione, anch’io mi sono sentita un pò così in questi giorni, credo di aver preso l’ennesima fregatura, l’ennesima porta sbattuta in faccia, pensavo di aver trovato una persona che avesse tante cose in comune con me e con la quale avrei potuto costruire un bel rapporto di amicizia, ma all’improvviso senza nessuna spiegazione ha chiuso i contatti , adesso comincio a pensare che volesse solo qualche visita in più per il suo blog e che non fosse per niente interessata all’amicizia.
    Beh! ottima ricetta e ti auguro tanto sole fuori e dentro di te. ciao

    • Mammapapera dice:

      hai provato a chiarirti con lei? a capire se c’è un motivo?
      se c’è una cosa che ho capito in queste mie esperienze negative, è che se ne vale la pena basta chiedere
      perchè potrebbero esserci delle reali motivazioni
      ma questo solo tu puoi capirlo
      un abbraccio, e sono sicura che nessuna persona potrebbe sbatterti la porta in faccia perche per me sei una cara amica e una persona speciale
      tvb

  16. sei una bella persona Ale, il resto non conta ! un abbraccio forte….Che splendida ricetta, mai usati così i topinambur…

  17. bellissimi complimenti e buon venerdì

  18. Che belli questi ravioli! Devono anche essere molto buoni con lo zafferano e i topinambur!

Parla alla tua mente

*